Ultima modifica: 30 Giugno 2017

2017 – Il sogno di August Strindberg

Martedì 30 maggio alle 21,15 al teatro Sperimentale di Pesaro va in scena lo spettacolo “Sogno” liberamente tratto da Il sogno di August Strindberg.

Si tratta dell’evento finale del laboratorio che si è svolto durante l’anno scolastico 2016/2017 e che ha coinvolto gli studenti del liceo Mamiani e gli studenti del liceo Mengaroni. A cura dell’Associazione Teatrale Teatraponente

Composto nel 1901, il dramma scavalca tutte le convenzioni teatrali valide sino ad allora per inaugurare una nuova forma di teatro.

La figlia del dio Indra decide di scendere sulla Terra, tra gli umani, per osservare come vivono e diviene essa stessa umana.

Il viaggio della figlia di Indra segue “l’incoerente ma apparentemente logica forma del sogno”; la giovane fanciulla si ritrova, senza soluzione di continuità, prima in un castello in cui è imprigionato un ufficiale, poi nella casa di due anziani coniugi, all’esterno di un teatro, in una grotta, su un’isola e così via.

Scoprirà, a sue spese, che la vita sul nostro pianeta è dura e infelice soprattutto perché l’uomo sembra interessato ad arrecare dolore al prossimo, sebbene ciò non riesca a dargli alcuna felicità.

L’autore trascrive un sogno saltando i nessi logici, conducendo lo spettatore da uno senario all’altro in una atmosfera rarefatta propria di un sogno, dalla trama apparentemente confusa ma affascinante.

Il sogno, dunque, conquista se si entra nell’ottica di una narrazione che non ha regole spaziali e non ha regole temporali.

“Tempo e spazio non esistono”, ci avverte Strindberg nella nota che precede il testo, “i personaggi si scindono, si raddoppiano, si sdoppiano, svaniscono, prendono coscienza, si sciolgono e si ricompongono. Una coscienza, tuttavia, sovrasta tutto, quella del sognatore”.

Regia: Cristian Della Chiara/Ciro Limone

Aiuto regia: Tommaso Cocon